https://www.fapjunk.com https://pornohit.net london escort london escorts buy instagram followers buy tiktok followers Ankara Escort Cialis Cialis 20 Mg getbetbonus.com deneme bonusu veren siteler bonus veren siteler getbetbonus.com istanbul bodrum evden eve nakliyat
Aküm yolda akü servisi ile hizmetinizdedir. akumyolda.com ile akü servisakumyolda.com akücüakumyolda.com akü yol yardımen yakın akücü akumyoldamaltepe akücü akumyolda Hesap araçları ile hesaplama yapmak artık şok kolay.hesaparaclariİngilizce dersleri için ingilizceturkce.gen.tr online hizmetinizdedir.ingilizceturkce.gen.tr ingilizce dersleri
It is pretty easy to translate to English now. TranslateDict As a voice translator, spanishenglish.net helps to translate from Spanish to English. SpanishEnglish.net It's a free translation website to translate in a wide variety of languages. FreeTranslations
sabato 20 Aprile 2024

Giornalista, blogger, freelance?

Addio a Luis, l’orso andino più anziano d’Europa
A

Mancava meno di un mese e avrebbe compiuto 30 anni. Ma il male che gli aveva colpito il cuore e i polmoni lo ha portato via nel giro di una manciata di giorni, lasciandogli la sera del 13 dicembre per addormentarsi l’ultima volta. E’ morto Luis, l’orso andino più anziano d’Europa, da 28 anni il compagno di vita di Bahia. Unici d’Italia, i due hanno rappresentato un record di longevità mai eguagliato da nessun’altra struttura zoologica. “Vulnerabile” di estinzione secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, Luis apparteneva ad una specie giunta alla ribalta delle cronache grazie alla cinematografia dell’orsetto Paddington. Adesso, come da tradizione per gli animali che in vita hanno rappresentato il cuore della lotta contro l’estinzione al Parco Natura Viva, Luis vivrà una seconda volta al Museo delle Scienze di Trento. Insieme a Blanco, il leone bianco e a Toby, il rinoceronte. Nel frattempo viene monitorata Bahia, che in questi giorni non è voluta uscire all’esterno ed è andata a cercarlo nel suo giaciglio. 

“Ha vissuto una lunga vita durante la quale ha visto il medico veterinario in rarissime occasioni” – spiega Camillo Sandri, direttore zoologico del Parco Natura Viva. “Ma da qualche giorno la sua keeper Neda – che si prende cura di lui e di Bahia da più di 10 anni – ci aveva avvisato che si muoveva con fatica e mangiava svogliatamente, a dispetto della sua inguaribile golosità. Avevamo prenotato una visita approfondita all’ospedale veterinario di Lodi ma il nostro amico ha preferito non attendere oltre, salutandoci lì dove è vissuto tutta la vita”. Dall’aria bonaria, pigro e dormiglione ma sufficientemente accorto da far fare alla sua compagna tutto il lavoro di recupero degli arricchimenti in cima ai tronchi e poi sottrarle il malloppo senza pudore, Luis è stato per Bahia un complice inossidabile. “Terremo monitorata anche lei – prosegue Sandri – molto anziana e ormai rimasta sola. Le dovremo lasciare il tempo di gestire la sua perdita. Ma siamo orgogliosi di aver offerto la vita migliore che potessimo a questi due esemplari, già genitori di Balù e Tunk, attualmente due dei 52 orsi andini d’Europa, a loro volta genitori di una nuova prole”. Prole preziosa, poiché si tratta di una specie che vive solo sulle Ande, unico orso dell’America meridionale, massacrato dalla deforestazione che opera attraverso la cattura di piccoli orfani di madri uccise dai bracconieri. In meno di 20mila sopravvivono tra Bolivia, Colombia, Ecuador, Perù e Venezuela, assediati dalla conversione delle foreste in terreni agricoli. Proprio come nel film dell’orsetto Paddington.

IL PROGETTO

Il Parco Natura Viva sostiene da anni il progetto di conservazione della Fundación Oso Andino in Ecuador. Non solo ricerche scientifiche condotte nel suo habitat naturale per comprenderne il comportamento e l’ecologia ma anche recupero di orsi feriti o orfani, riabilitazione e rilascio in natura. Il Parco Natura Viva ha acquistato diversi radio-collari utili per il monitoraggio degli esemplari che vivono allo stato selvatico, mentre per i ragazzi italiani ha prodotto la pubblicazione “Lo scarabeo d’oro”. La favola che narra le vicissitudini di tre animali (tra cui un orso andino) che cercano di trovare un luogo sereno dove poter vivere, dopo che la loro foresta è stata distrutta dall’uomo.

Giornalista, blogger, freelance?

Ultime notizie

00:03:20

Nati due baby crisocioni: le prime esplorazioni e i diversivi della mamma

Le tane e i diversivi che prepara la mamma,...
00:02:49

Arrivi straordinari e nuovi nati: il 1° marzo riapre il Parco Natura Viva

Nascite straordinarie e arrivi preziosi per la riapertura del...

Il barbagianni torna in Pianura Padana, colonizzati i nidi installati dai ricercatori

Il barbagianni torna a popolare la pianura padana. E...

È carnevale per iene, lemuri, suricati e formichiere

La curiosità per gli addobbi di Carnevale ha vinto...

40 nuovi esemplari di 15 specie, 6 new entry assolute, il 70% inserito in un programma di conservazione

Con l’arrivo di 40 nuovi esemplari appartenenti a 15 specie...
00:02:39

Bloccati dalla neve a Salisburgo, passaggio in auto per 6 ibis eremita

Arriva la neve e il ritardo accumulato sulla migrazione...