https://www.fapjunk.com https://pornohit.net london escort london escorts buy instagram followers buy tiktok followers Ankara Escort Cialis Cialis 20 Mg
domenica 25 Febbraio 2024

Giornalista, blogger, freelance?

Tagliato il nastro del nuovo ponte del panda rosso
T

Inaugurato il nuovo ponte dei panda rossi al Parco Natura Viva. A tagliare il nastro Janno Weerman, il numero uno dei parchi zoologici d’Europa per la gestione di questa specie. “Nei prossimi giorni arriverà qui un nuovo esemplare – ha aggiunto – in attesa che possa costituire una nuova famiglia e proseguire la conservazione di una specie che ha perso il 50% degli individui nei soli ultimi 20 anni”. Una notizia che chiude il 13° Convegno Nazionale della Ricerca nei Parchi, la tre giorni che ha ospitato la comunità scientifica internazionale per fare il punto sugli ultimi studi dedicati alla salvaguardia della biodiversit.


“Il giovane maschio arriverà dal Parco Faunistico La Torbiera e ha poco più di un anno”, spiega Camillo Sandri, direttore zoologico del Parco Natura Viva. “Si ambienterà e poi il coordinatore europeo di questa specie deciderà se far arrivare anche una femmina, per costituire una coppia riproduttiva e contribuire a creare una popolazione pronta in caso di necessità di reintroduzioni in natura”. Mentre il giovane in arrivo attenderà dunque la sua compagna, l’Associazione Europea degli Zoo e degli Acquari (EAZA) conta 450 esemplari nati nei parchi zoologici del Vecchio Continente a fronte di meno di 2500 individui allo stato selvatico. “Un contingente importante sia in termini di numeri che di diversità genetica – prosegue Weerman, coordinatore di EAZA per il panda rosso – che deve tener conto di habitat originari in rapidissimo cambiamento. Molto spesso incompatibile con la coesistenza tra l’uomo e molte specie selvatiche”.


Per il declino della “volpe di fuoco”, è ancora una volta sotto accusa l’attività dell’uomo. La rapida espansione della popolazione umana nell’Himalaya orientale sta causando deforestazione, degrado e frammentazione dell’habitat del panda rosso. In Nepal, habitat di questa specie insieme a Bhutan, India, Cina e Myanmar, oltre il 70% delle aree che abita si trova al di fuori delle aree protette, frammentato in 400 piccole aree forestali. Strade, infrastrutture idroelettriche e attività minerarie si sommano ad una costante conversione degli ecosistemi naturali in zone agricole. Il che diventa un fenomeno drammatico se si pensa che la dieta del panda rosso è composta per il 98% da bambù. “Una vegetazione molto fragile di fronte all’impatto delle attività umane, che generano un isolamento preoccupante delle singole popolazioni”, prosegue Sandri. “Un fenomeno che conosciamo da molti anni e che ci stiamo preparando a fronteggiare”.

Giornalista, blogger, freelance?

Ultime notizie

Il barbagianni torna in Pianura Padana, colonizzati i nidi installati dai ricercatori

Il barbagianni torna a popolare la pianura padana. E...

È carnevale per iene, lemuri, suricati e formichiere

La curiosità per gli addobbi di Carnevale ha vinto...

40 nuovi esemplari di 15 specie, 6 new entry assolute, il 70% inserito in un programma di conservazione

Con l’arrivo di 40 nuovi esemplari appartenenti a 15 specie...
00:02:39

Bloccati dalla neve a Salisburgo, passaggio in auto per 6 ibis eremita

Arriva la neve e il ritardo accumulato sulla migrazione...
00:02:16

Arrivano Madeira e Pedro: è amore a prima vista per le uniche due lontre giganti d’Italia

Saltano le “formalità” e anticipano il loro primo appuntamento,...
00:02:27

Fiocco rosa, la prima volta di una coati naso bianco al Parco Natura Viva

Fiocco rosa al Parco Natura Viva di Bussolengo per...